Il Lingam (pene) è la porta attraverso la quale si apre il Cuore dell’Uomo e la chiave che apre il Cuore della Donna

Uomini e donne crediamo che siamo stati divisi in diverse parti. Questa divisione è presente solo nella nostra mente e proviene dalla dissociazione e dalla paura dell’amore in cui tutti viviamo.

 

Questa paura è instaurata in noi da generazioni e si passa sistematicamente dai genitori ai figli, da pene a vagina, creando questa razza dissociata che siamo oggi.

 

L'ignoranza riguardo alle nostre limitazioni e dolori intrinseci fanno si che viviamo automatizzati in essi senza nemmeno essere in grado o di chiederci se quello che facciamo è giusto o sbagliato.

 

C'è una parte di noi, (il nostro cuore) una voce interiore che sta sempre a dirci che qualcosa non va, che ci manca qualcosa, ma a causa della nostra disconnessione interna, tendiamo a tradurre questa voce in modo diverso e a intraprendere ricerche che ci allontanano ancora di più dal poterci ascoltare, perché di solito questo modo diverso è “ascoltare gli altri”, e se le nostre orecchie esterne sono occupate il nostro ascolto interno è in modalità off.

 

 

Oggi vi voglio parlare di una delle grandi disconnessioni, una di quelle che provoca più dolore tanto agli uomini quanto alle donne.

 

La disconnessione del pene dal cuore.

 

Questa è una questione che ci riguarda tutti e tutte, poiché il pene è il veicolo attraverso il quale tutti veniamo alla vita, è come la nave interplanetaria che ci porta dall'altro mondo a questa terra.

E cambia molto il “come” siamo venuti su questa terra a seconda dello stato di quella nave, in che modo sta venendo usata? curata? com’è il carburante?

Tutti questi fattori influenzano il funzionamento della nave e quindi la sicurezza e la vita dei suoi passeggeri (noi).

 

Tuttavia oggi non voglio parlare del pene solo come il veicolo fisico della vita, oggi voglio parlare del pene come il veicolo dell’amore.

 

 

Che cosa ha a che fare il pene con il cuore? 

 

TUTTO!!! Internamente c’è un canale che collega il pene alla prostata e internamente è noto nella medicina tradizionale cinese che c’è un canale interno che collega la prostata con il cuore.

 

La prostata viene stimolata durante l’atto sessuale e si contrae durante l'orgasmo, perché questo accada il pene si riempie di sangue. da dove viene questo sangue? Dal cuore! E quale emozione risiede nel cuore? L’amore!!!

 

Così è molto facile e ovvia l’equazione – maggiore apertura del plesso cardiaco = maggiore apertura del plesso sessuale.

 

 

Lo stato del pene denota gran parte dello stato emozionale della persona.

 

Nell’attualità troviamo molte disfunzioni come: impotenza, flaccidità, eiaculazione precoce, tra le altre.

 

Nelle mie sessioni incontro costantemente queste disarmonie, l’attenzione della magior parte degli uomini è sempre rivolta al pene, naturalmente, perché è lì dove si manifesta il sintomo, ma il mio trattamento non è locale, il mio trattamento è sempre distale.

 

Secondo me non c'è l'impotenza, per me c'è solo la paura dell’amore e molti diranno che non è così, ma dopo 10 anni di lavoro con uomini e donne posso dire che si, è così, che anche le persone che non erano mai state in grado di avere una vera e propria erezione ora possono fare l'amore per lunghi periodi di tempo.

 

Come??? aprendosi all’amore. Quando energeticamente il cuore si apre, fisicamente viene ripristinata la circolazione cuore-pene e di conseguenza la circolazione sanguigna dal cuore ai corpi cavernosi del pene, responsabili dell’erezione.

 

Per questo dico che il pene è la porta da cui si apre e si manifesta il cuore.

Un uomo che può consegnarsi dal cuore può davvero consegnarsi interamente, con il suo sesso e il suo sentire, poiché queste non sono due cose distinte, non c'è modo di separarle, questa separazione l’abbiamo creata solo con la nostra mente, però al corpo non interessa come tu scegli di proteggerti dall’amore, il corpo è corpo e ha i suoi movimenti naturali, e il movimento discendente dal cuore al pene è il movimento naturale dell'energia dell'uomo.

 

 

E che cosa ha a che fare questo con la donna? TUTTO!

 

Dato che quando una donna riceve un pene connesso con il cuore, l’energia sale ed entra nel cuore, e il cuore si apre.

 

Il movimento naturale del fuoco è ascendente e l'energia femminile è ugualmente collegata dalla vagina al cuore.

Così, ciò che entra nella vagina entra nel cuore.

 

Nel bene e nel male, i nostri cuori sono in gran parte chiusi perché sono stati penetrati senza amore, solo con forza o desiderio e questo compromette il nostro cuore.

 

Un pene flaccido compromette il nostro cure perché non riesce a generare abbastanza calore per far si che il nostro cuore si apra. un pene che penetra con troppa forza e affanno compromette il nostro cuore, perché lo surriscalda e lo agita. il cuore necessita di pace, calma e dolcezza e quelle qualità provengono dal pene che è collegato al cuore e che penetra con amore.

 

E qual è la chiave con cui l'uomo può aprirsi all'amore? La donna.

Il cuore della donna è come il pene dell’uomo, è la sua polarità positiva, è la polarità attraverso la quale la donna penetra.

Quando la donna scioglie il suo cuore con il fuoco sessuale che l'uomo le consegna, il cuore dell'uomo si scioglie e si manifesta nei suoi genitali.

  

Articolo di Sajeeva Hurtado - Foto dal web

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Marika (giovedì, 15 febbraio 2018 18:56)

    Raccontato così è fantastico grazie lo faccio leggere a mio marito
    grazie grazie grazie
    Marika

  • #2

    Alessandro (giovedì, 15 febbraio 2018 19:45)

    Interessante lettura, io sostengo che come tante altre cose della vite, bon possiamo dimostrare, quantificare e razionalizzarle, bisogna viverle e divta in volta trarne sempre spunto per, come tutto nella vita, portare avanti una ricerca personale

  • #3

    Monica (giovedì, 15 febbraio 2018 23:17)

    Spero che questo articolo non sia solo un copia incolla ma una cosa vissuta�

  • #4

    Mauro T Dante - La Ninfea (giovedì, 15 febbraio 2018 23:37)

    Monica come precisato è un articolo della grande maestra Sajeeva Hurtado

  • #5

    Claudio in Viaggio (venerdì, 16 febbraio 2018 12:07)

    Condivido ed empatizzo molto con quanto indicato... È una manifestazione fisica del lavoro interno sul cuore, e va guardato con amore ed accoglienza. �❤️